Il tuo browser non supporta JavaScript!

CS, una storia corale

24.03.2016
La storia cinquantenaria di Comunicazioni Sociali non è un'immensa risma di carta stampata, bensì un continuo incontro di idee, riflessioni, iniziative. Di persone. Lo abbiamo riscoperto in occasione dell’evento di celebrazione dei 50 anni di questa avventura, vissuto assieme e con grande partecipazione di pubblico e di spirito martedì 22 marzo 2016 in Università Cattolica al termine del convegno sulla storia dell’Alta Scuola, a cui CS è storicamente legata a doppio filo. 

Comunicazioni Sociali è un caso certamente unico nel panorama delle riviste scientifi­che sulla comunicazione. Innanzitutto per la sua longevità: sicuramente in Italia, ma credo anche in Europa, non esistono riviste scientifiche di comunicazione che possano van­tare cinque decadi di pubblicazione. In secondo luogo CS si distingue per il taglio interdisciplinare, altrettanto è origi­nale nel panorama: sociologia, antropolo­gia, filosofia, estetica, filologia, storia, semiotica, arti performa­tive, cinema, televisione... In terzo luogo CS vive di una prospettiva “integrale”:sin dall'ini­zio la comunicazione mediale e quella dal vivo sono guardate come due facce dello stesso fenomeno, che si illuminano a vicenda. 

La ric­chezza del fenomeno comunica­tivo è quindi esplorata in tutte le sue componenti (verbale, ico­nica, gestuale, ma anche musicale...) e nel loro intreccio. Così come la ri­cerca e la riflessione teorica sono compresenti e in dialogo tra loro. C’è un carisma, un motore se­greto, un nucleo incandescente in CS. Se la rivista è durata nel tempo è per la cura che tanti le hanno dedi­cato, a partire dall'editore, i direttori, la redazione, il Diparti­mento di Scienze di comunicazione e l'Alta Scuola. La rivista è un “bene comune” e, per usare un'espressione cara al fondatore Mario Apollonio, un'opera co­rale, basata sulla contribuzione di tanti e orientata a promuovere partecipazione (specie dei giovani) e a farsi luogo di confronto, più che vetrina o mero strumento.

Siamo consci di essere eredi di una grande tradizione. Lo sforzo mio e di tutti è quello di mantenere vivo lo spirito e lo slancio delle origini. Essi ci offrono una prospettiva critica e libera di fronte alle mode del pre­sente. Soprattutto ci impegnano a cercare sempre nella comunicazione il mas­simo del bene comune e il massimo bene per l’uomo.

Vorrei concludere con una citazione tratta da un saggio di Andrea Vac­caro nel numero 3/2015 Being Hu­mans. The Human Condi­tion in the Age of Techno Humanism, da me curato, che chiude questi primi cinquant’anni di storia. Applicherei alla comunicazione quello che Vaccaro dice della tecnologia in gene­rale, che per principio è e deve essere serva, servizio, e come tale è teologica: La comunicazione «è teologica perché essa è sempre al servizio (serva), ri­mane a disposizione (dispositivo), si rende per sua natura utile (utensile), è perennemente pronta a offrirsi come mezzo per ogni fine umano». La comuni­cazione «ha natura teologica anche per­ché permette di esercitare il tratto supereminente dell’essere umano, ovvero la libertà». La comunicazione «espande enormemente il panorama delle azioni e delle scelte. Si eleva anche il livello delle responsabilità, ovviamente, ma libera per essenza e mai sazia di libertà il Creatore ha concepito la sua creatura. Quando si avverte con timor panico che la comunicazione «espone ad “apocalit­tici” scenari occorrerebbe sempre aggiungere, come contrappeso, che essa apre anche a scenari “genesiaci”, ovvero contribuisce ai venturi cieli e terre nuove”» (pp. 314-315).

Grazie di cuore per aver celebrato insieme a noi questa importante ricorrenza.
Chiara Giaccardi
Direttore CS


La redazione di CS: (da sinistra) Paolo Braga, Roberta Carpani, Nicoletta Vittadini, Chiara Giaccardi, Massimo Scaglioni,
Aurelio Mottola (direttore VP), Adriano D'Aloia, Massimo Locatelli, Laura Peja
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Articolo letto 1336 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Ultimo fascicolo

Anno: 2017 - n. 2

Sommario »

Newsletter CS

* campi obbligatori
Academia.edu