Il tuo browser non supporta JavaScript!

The Remaking of Truth in the Digital Age

02.01.2018

Tutti pensavano che la Brexit non sarebbe passata e Trump non sarebbe mai stato eletto. L’intero apparato dei media, che voleva garantire certezze, ha prodotto invece confusione. Si dice che siamo nell’era della ‘post-verità’, dove il dibattito sulla verità è stato rimpiazzato da un caos di fatti. Più cresce l’informazione, più sembra diminuire la conoscenza, e il vuoto di pensiero sempre più si riempie di hate speech, bufale, fake news. Inoltre, le emozioni sembrano contare più dei fatti. Ma separare le opinioni personali dai fatti obiettivi è compito difficile se non impossibile. Benché la realtà sia difficile da afferrare, ci sono evidenze difficili da contestare: sofferenza e morte in tante parti del mondo hanno una concretezza che sfugge a ogni strategia retorica ed espone il limite di chi sostiene che tutto è finzione e simulazione.

Anche la questione della democrazia nell’era tecnocratica è oggi in gioco. La crescita dei populismi e del cosiddetto consenso post-politico pone grandi sfide, così come la polarizzazione del dibattito che spinge le persone agli estremi, dato che provocare è un modo di massimizzare il coinvolgimento.

Scopo di questo numero di Comunicazioni Sociali è introdurre una prospettiva critica in questa ondata di forze controinformative, senza cadere negli opposti e ugualmente indesiderabili estremi del funzionalismo cinico (è vero ciò che funziona) o di un paternalistico neopositivismo: la verità come questione di numeri – sovranità dei dati che uccide la realtà, escludendo tutti gli aspetti non quantificabili.

La responsabilità dei soggetti, piuttosto che l’obiettività dei fatti, é oggi in gioco: ma che cosa sia la ‘parresia’ di Foucault nell’era digitale richiede uno sforzo di riflessione: perché la verità è insieme impossibile da afferrare e dire nella sua totalità e necessaria da ricercare. Perciò, con le parole di De Certeau, ‘essere segno di ciò che manca’ e voce di chi non ha voce è una priorità nell’era digitale dell’accessibilità globalizzata.

 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Articolo letto 138 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato

Ultimo fascicolo

Anno: 2017 - n. 3

Sommario »

Newsletter CS

* campi obbligatori
Academia.edu