Donne rapaci. Modelli femminili tra cinema e pittura negli anni Dieci - Cristina Jandelli - Vita e Pensiero - Articolo Comunicazioni Sociali Vita e Pensiero

Donne rapaci. Modelli femminili tra cinema e pittura negli anni Dieci

digital Donne rapaci. Modelli femminili tra cinema e pittura negli anni Dieci
Articolo
rivista COMUNICAZIONI SOCIALI
fascicolo COMUNICAZIONI SOCIALI - 2007 - 2. Genere e generi. Figure femminili nell'immaginario cinematografico italiano
titolo Donne rapaci. Modelli femminili tra cinema e pittura negli anni Dieci
autore
editore Vita e Pensiero
formato Articolo | Pdf
online da 02-2007
issn 0392-8667 (stampa) | 1827-7969 (digitale)
Scrivi un commento per questo prodotto
€ 6,00

Ebook in formato Pdf leggibile su questi device:

The bond which has been tied between cinema and visual arts in the first decades of the last century finds its paradigmatic expression in the ways of representing women. The comparison between the woman-owl interpreted by Pina Menichelli and Marchesa Casati’s pictures immortalized by Boldini’s brush highlight the strong and lively exchange among expressive forms and give back an idea of unconventional and eccentric femininity. This model meets the need of the cinema to accredit itself as a new form of art (highlighting the closeness with painting and literature, evidence of that complex system of referrals among ‘media’ which will consolidate in the following decades), more than the intention of conveying a different, more modern concept of woman.

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 2

Newsletter CS

* campi obbligatori
Academia.edu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento