Raccontare le soglie della vita. I temi bioetici di inizio e fine vita nel cinema e nella serialità televisiva

Raccontare le soglie della vita. I temi bioetici di inizio e fine vita nel cinema e nella serialità televisiva

18.04.2014

n. 2/2014 - A cura di Armando Fumagalli e Paolo Braga

L’idea che l’elaborazione narrativa dei problemi morali sia un terreno privilegiato per lo sviluppo del dibattito etico ha trovato crescente fortuna nella filosofia degli ultimi decenni. L’assunto ha coagulato il consenso di posizioni teoriche di diversa matrice, concordi nel riconoscere il pensiero narrativo come una via privilegiata per l’uomo alla definizione di sé in quanto persona, come soggetto morale (MacIntyre 1984; Ricoeur 1990; Nussbaum 1996).

Il racconto, grazie all’immedesimazione nel personaggio e alla piena attivazione della sfera emotiva accanto a quella razionale, è sempre più considerato un ambito privilegiato per la simulazione della prassi. Un terreno dove è possibile mettere a fuoco tutti i fattori umanamente coinvolti quando le scelte di condotta non sono scontate a causa delle alternative valoriali in gioco.

Alla riscoperta del nesso tra racconto ed esplorazione morale hanno contribuito molto anche la narratologia e la teoria della letteratura, che anzi hanno inaugurato questa prospettiva – si pensi ai lavori pionieristici dei Chicago critics e agli studi di Wayne Booth (1983; 1988). Un filone di ricerca che ha recentemente trovato deciso rilancio sul fronte della teoria della sceneggiatura. I suoi principali esponenti (McKee 1997; Truby 2007), in perfetta sintonia con le testimonianze degli autori cinematografici e televisivi, sottolineano la crucialità della dimensione tematica, cioè dell’approfondimento drammaturgico degli snodi assiologici all’interno di un racconto, perché questo risulti convincente e coinvolgente. 

Non ultimo, sia pur ancora poco numerose, anche le ricerche sulle culture dominanti tra chi è responsabile dei contenuti hanno dato rilievo a come la produzione creativa nasca dalla condivisione di assunti valoriali fatti oggetto di aperta riflessione e di condivisione all’interno delle élites mediali (Bettetini-Fumagalli 2010; Shapiro 2011; Fumagalli 2013).

Nell’ottica appena sintetizzata, in considerazione del crescente interesse delle potenzialità espressive e formative dei film di argomento bioetico (Cattorini 2006; Dalla Torre 2011; Shapshay 2011), i contributi proposti, coniugando la riflessione teorica sui temi della vita con l’analisi testuale, sono invitati ad affrontare:

  • Le impostazioni narrative prevalenti nella trattazione degli argomenti dell’inizio e fine della vita (decisioni sulla nascita, aborto, fecondazione artificiale, eutanasia, accanimento terapeutico).
  • L’attivazione, e, poi, la sedimentazione di archetipi (moduli narrativi, tipi di personaggi) che alimentano l’immaginario collettivo sui temi in questione.
  • La giustificazione ideologica (implicita o esplicita) di certe soluzioni a discapito di altre.
  • I condizionamenti che, a livello culturale-produttivo-distributivo-realizzativo, influenzano la resa espressiva dei temi della vita e l’angolazione da cui sono trattati nel cinema e nella televisione. 

I contributi proposti potranno afferire ai seguenti ambiti: retorica; teoria della sceneggiatura; narratologia; drammaturgia; sociologia dei media; semiotica; teoria del cinema; media theory; bioetica; filosofia morale. Potrà trattarsi di analisi di singoli film o (episodi di) serie televisive, oppure sguardi più ampi e sintetici su alcune questioni. Tuttavia l’analisi di singoli testi risulta più consona al taglio che si vuole dare a questo numero della rivista.

 

Invio delle proposte 

Gli abstract (non più di 250 parole, esclusi i riferimenti bibliografici) dovranno essere inviati entro e non oltre il 20 settembre 2013 all’indirizzo: paolo.braga@unicatt.it. Notifica dei contributi accettati sarà inviata non oltre il 5 ottobre 2013. I testi approvati (di lunghezza compresa tra 4000 e 5000 parole inclusi riferimenti bibliografici) dovranno essere consegnati entro il 20 gennaio 2014 e saranno successivamente sottoposti a una procedura di double blind peer review.

Sono accettati testi in italiano, francese e inglese.

 

Bibliografia essenziale

G. Bettetini, A. Fumagalli. 2010. Quel che resta dei media. Idee per un’etica della comunicazione, Milano: FrancoAngeli.

W.C. Booth. 1983. The Rhetoric of Fiction, 2nd edition, Chicago: The University of Chicago Press; tr. it. (1996) Retorica della narrativa, Scandicci (Firenze): La Nuova Italia Editrice.

W.C. Booth, 1988. The Company We Keep. An Ethics of Fiction, Berkeley, California [etc.]: University of California Press.

P. Cattorini. 2006. Bioetica e cinema. Racconti di malattia e dilemmi morali, Milano: FrancoAngeli.

P. Dalla Torre. 2011. Cinema contemporaneo e questioni bioetiche, Roma: Edizioni Studium.

A. Fumagalli. 2013. Creatività al potere: da Hollywood alla Pixar passando per l’Italia, Torino: Lindau.

A.C. MacIntyre. 1984, second edition. After Virtue. A Study in Moral Theory, Notre Dame, Indiana: University of Notre Dame Press; trad. it. 1988. Dopo la virtù. Saggio di teoria morale, Milano: Feltrinelli.

R. McKee. 1997. Story. Substance, structure, style, and the principles of screenwriting, New York: Harper Collins; trad. it. 2000. Story: contenuti, struttura, stile, principi della sceneggiatura, Roma: International Forum Edizioni.

M.C. Nussbaum. 1995. Poetic Justice. The Literary Imagination and Public Life, Boston: Beacon Press; trad. it. 1996. Il giudizio del poeta. Immaginazione letteraria e vita civile, Milano: Feltrinelli.

P. Ricoeur, 1990. Soi-même comme un autre, Seuil, Paris; trad. it. 1993. Sé come un altro, Milano: Jaka Book.

S. Shapshay (ed.). 2009. Bioethics at the Movies, Baltimore: The Johns Hopkins University Press.

B. Shapiro. 2011. Primetime Propaganda, New York: Broadside Books.

J. Truby. 2007. The Anatomy of Story. 22 Steps to Becoming a Master Storyteller, New York: Faber & Faber; trad. it. 2009. Anatomia di una storia, Roma: Dino Audino.



Download:
call-for-papers_ita_cs_ii-2014.pdf
 

Array
(
    [codice_fiscale_obbligatorio] => 1
    [coming_soon] => 0
    [fattura_obbligatoria] => 1
    [fuori_servizio] => 0
    [homepage_genere] => 0
    [insert_partecipanti_corso] => 0
    [moderazione_commenti] => 1
    [mostra_commenti_articoli] => 1
    [mostra_commenti_libri] => 1
    [multispedizione] => 0
    [pagamento_disattivo] => 0
    [reminder_carrello] => 0
    [sconto_tipologia_utente] => carrello
)

Articolo letto 1360 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Ultimo fascicolo

Anno: 2021 - n. 2

Sommario »

Newsletter CS

* campi obbligatori
Academia.edu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento